STUDIO CLINICO IN UN CAMPIONE DI 480 INDIVIDUI

SOMMARIO

Lo studio clinico qui pubblicato è stato effettuato presso Centri Medici Specialistici di Londra. Sono stati presi in esame un gruppo di 480 individui affetti, in modo differente, da psoriasi, dermatite atopica, dermatite seborroica, lichen scleroatrofico e eczema. Il gruppo esaminato aveva già praticato altre metodiche terapeutiche sia cortisoniche sia prive di cortisonici e sia terapie sistemiche (metotrexate, ciclosporina, “farmaci biologici”, ecc.), senza ottenere risultati clinicamente apprezzabili. La maggior parte dei soggetti del gruppo in esame avevano provato ad utilizzare le terapie classiche per molti anni. Il loro livello delle lesioni era da considerare medio/grave. A questi è stata effettuata l’applicazione locale delle pomate naturali Shivax®, con una valutazione oggettiva dei risultati  ad un mese, due mesi, tre mesi e sei mesi. Scopo dello studio è stato quello di verificare l’efficacia di tale metodica, nell’ambito di patologie, come psoriasi, dermatite atopica, dermatite seborroica, lichen scleroatrofico e eczema che affliggono almeno 100 milioni di persone nel mondo.

MATERIALI E METODI

Sono state utilizzate le pomate naturali Shivax® della Linea Trattamento Completo Shivax®, distribuiti dalla Shivax International Ltd, composta da tre pomate, quali Shivax® Plus, Shivax® FT e Shivax® G, (pubblicate sul Portale Europeo CPNP), secondo ben precise indicazioni, in funzione della localizzazione delle lesioni cutanee stesse.
Per il cuoio capelluto è stata utilizzata la Shivax® Plus applicata tutte le mattine e le sere, in quantità abbondante e frizionando vigorosamente. Contestualmente si è utilizzato a seconda dei casi specifici Shivax® Shampoo Uomo, Shivax® Shampoo Donna.
Per tutto il corpo, come viso, collo, schiena, torace, addome, braccia, mani, gambe, piedi e regione genitale (escluse le mucose) si sono utilizzate la Shivax® Plus applicata la sera, coprendo con un pellicola trasparente per alimenti, e la Shivax® FT applicata più volte durante la giornata, senza pellicola. Tutte e due in quantità abbondante. Contestualmente si è utilizzato a seconda dei casi specifici Shivax® Bagno Doccia Uomo, Shivax® Bagno Doccia Donna.
Per le unghie delle mani e dei piedi è stata applicata la Shivax® G sia la notte e sia il giorno, più volte possibile. Contestualmente si è utilizzato a seconda dei casi specifici Shivax® Bagno Doccia Uomo, Shivax® Bagno Doccia Donna.
Per le mucose genitali, sia femminili sia maschili, e la mucosa anale è stata utilizzata la Shivax® G applicata al mattino e alla sera per tutto il periodo dello studio clinico scientifico. Contestualmente si è utilizzato a seconda dei casi specifici Shivax® Igiene Uomo, Shivax® Igiene Donna
Il gruppo in esame risulta costituito da duecentoquaranta donne e duecentoquaranta uomini, con un’età compresa fra i 18 anni ed 70 anni. Il campione è stato suddiviso a seconda delle lesioni cutanee dovute alla psoriasi, dermatite atopica, dermatite seborroica, lichen scleroatrofico e eczema preesistenti allo studio. L’applicazione delle pomate è stata effettuata secondo le istruzioni riportate dalla Shivax International Ltd. I soggetti presi in esame sono stati studiati ad intervalli di tempo ben precisi, quali un mese, due mesi, tre mesi e sei mesi. Tutti gli individui sono stati suddivisi in sottogruppi in funzione della localizzazione delle lesioni cutanee. Un ulteriore sottogruppo era formato da quei soggetti che riportavano delle lesioni con un diametro massimo superiore a 15 centimetri.
Per ogni periodo di osservazione, si sono valutati, in un calcolo percentuale, i risultati ottenuti.
I soggetti sottoposti allo studio sono stati fotografati, con macchina fotografica tradizionale (Canon EOS 3000 con obiettivo Canon 38-76 mm), cioè con rullino e negativi. Queste fotografie, con i loro negativi, testimoniano i risultati ottenuti in modo inequivocabile. Le foto sono state scattate sia prima dell’inizio dello studio, sia al termine dello stesso.

RISULTATI

Sono stati presi in esame i risultati ottenuti in relazione alla localizzazione delle lesioni cutanee dovute a psoriasi, dermatite atopica, dermatite seborroica, lichen scleroatrofico e eczema in un calcolo percentuale. Non è stato differenziato il sesso, in quanto non è apparso di nessuna rilevanza significativa.
Nel campione non sono stati inclusi individui di età inferiore ai 18 anni, in quanto si è notato come essi presentino dei tempi necessari alla “restitutio ad integrum” (ricostruzione della pelle sana e normale) nettamente inferiori. Tale rapidità del processo ricostruttivo avrebbe potuto alterare significativamente i risultati dello studio.
Nel bambino si ottiene, infatti, una “restitutio ad integrum” in tempi eccezionalmente brevi. Questo aspetto è confortato dalla velocità del metabolismo dei bambini.
I risultati ottenuti sono testimoniati dai reperti fotografici e dai loro negativi. Alcuni di questi sono riportati più avanti.

OSSERVAZIONE DEI RISULTATI DELLA Linea Trattamento Completo Shivax® AD UN MESE

OSSERVAZIONE DEI RISULTATI DELLA Linea Trattamento Completo Shivax® A DUE MESI

OSSERVAZIONE DEI RISULTATI DELLA Linea Trattamento Completo Shivax® A TRE MESI

OSSERVAZIONE DEI RISULTATI DELLA Linea Trattamento Completo Shivax® A SEI MESI

Un piccolo numero dei pazienti presi in esame, il 2%, o non ha portato a termine la metodica, o non ha eseguito correttamente la stessa. I motivi di tale comportamento sono stati evidenziati come del tutto personali. Questi soggetti sono stati esclusi dalla valutazione dei risultati. Questo sottolinea come sia di fondamentale importanza seguire scrupolosamente le semplici modalità d’uso riportate nelle istruzioni.

E’ stato riferito che già dopo le prime applicazioni vi è la diminuzione significativa del prurito e/o bruciore, caratteristico delle lesioni della psoriasi, dermatite atopica, dermatite seborroica, lichen scleroatrofico e eczema, nelle varie forme. La scomparsa del prurito e/o bruciore oltre ad offrire una migliore qualità della vita, permette la scomparsa del grattamento e quindi facilita la “restitutio ad integrum” della pelle.

Alcuni soggetti sottoposti a questo studio, circa il 3%, hanno riscontrato del prurito nelle aree vicine alle lesioni. Questo è stato risolto consigliando di non utilizzare una pellicola trasparente già usata e magari tenuta in cucina. Le pellicole trasparenti per uso alimentare sono in polietilene e possono degradarsi in presenza di grassi. In una normale cucina sono presenti molti vapori contenenti sostanze grasse. Da ciò risulta evidente come sia importante acquistare una normale pellicola trasparente per uso alimentare nuova e non conservarla in cucina.

Un piccolo numero di individui, circa il 4 %, ha dichiarato di avere un lieve prurito e/o bruciore sulle lesioni in trattamento in alcune fasi della giornata. Dopo un’attenta osservazione e colloquio si è evidenziato come questi momenti coincidevano con la mancanza e/o la scarsa quantità di Shivax® applicate. Una volta compreso che le applicazioni delle Shivax® devono essere sia costanti sia abbondanti, il prurito e/o il bruciore sono scomparsi.
Non si sono rilevati effetti collaterali degni di rilievo. Utilizzate secondo le istruzioni, le Shivax® non presentano alcun effetto indesiderato.
Come è possibile constatare dall’osservazione dei grafici a 3 mesi e a 6 mesi si denota che gli effetti delle Shivax® sono duraturi nel tempo.
Il 98% dei pazienti si è dichiarato ampiamente soddisfatto dei tempi e dei risultati ottenuti.

psoriasi
psoriasi
psoriasi
psoriasi
psoriasi
psoriasi
Psoriasi Palmare
Psoriasi Piedi
psoriasi-palmare-mani-uomo-prima
psoriasi-palmare-mani-uomo-dopo

CONCLUSIONI

Dai risultati del lavoro scientifico cosi elaborato, emerge l’importanza della correttezza di attuazione della  semplice metodica di applicazione delle Shivax® sia di fondamentale importanza. Infatti si può affermare che la “restitutio ad integrum” (ricostruzione del tessuto cutaneo sano) avviene sempre (quasi il 100%) negli individui che portano a termine la metodica stessa. Questa avviene con tempi differenti, a seconda dell’estensione e della localizzazione delle lesioni. In proposito alle alterazioni ungueali caratteristiche della patologia in esame, è doveroso notare come le unghie risentano in maggior misura delle condizioni di salute generali.

Dallo studio effettuato, con l’uso delle Shivax® secondo il protocollo scientifico di ricerca,  emerge che la “restitutio ad integrum” o risanamento della lesione cutanea in psoriasi,  dermatite atopica, dermatite seborroica, lichen scleroatrofico e eczema, avviene progressivamente attraverso alcune fasi:

* Dopo le prime applicazioni, cadono le squame che ricoprivano la lesione stessa e scompaiono progressivamente il bruciore e il prurito

* Eliminate le squame, la lesione appare di un colore rosso vivo, molto acceso

* Nelle giornate che seguono, continuando ad effettuare le applicazioni giornalmente, il colore diventa sempre più tenue e pallido. In pratica dal rosso vivo si passa al rosa pallido

* A questo punto si riforma anche la nuova cute sana, ed è presente solo una colorazione rosa. Quindi la cute risulterà perfettamente normale

* Siamo arrivati alla “restitutio ad integrum” o risanamento della lesione cutanea psoriasica

Si è potuto riscontrare in tutti gli individui un miglioramento di tipo psicologico/mentale e sociale, e come era ovvio aspettarsi anche un miglioramento della qualità della vita.

Valutando tutti i dati emersi, possiamo affermare che l’utilizzo della Linea Trattamento Completo Shivax® ha dato dei risultati ottimi, anche nei casi gravi, resistenti alle terapie classiche, che tutti i soggetti affetti avevano già provato.

Va considerato anche la assoluta naturalità dei prodotti Shivax®. Cosa non da poco visto che gli altri prodotti contenenti il cortisone, sono tossici.

Visti i risultati dello studio clinico possiamo affermare che la Linea Trattamento Completo Shivax® è da considerarsi la prima scelta in caso di psoriasi, dermatite atopica, dermatite seborroica, lichen scleroatrofico e eczema, in qualsiasi età.

In un piccolo numero di soggetti avevamo riscontrato oltre alla manifestazione cutanea della psoriasi, anche una artrosi psoriasica o psoriasi artropatica. Già dalle prime applicazioni ci è stato riferito un cospicuo miglioramento della sintomatologia algica (dolore), localizzato alle articolazioni. Al termine dello studio si è avuto un notevole miglioramento della sintomatologia, sino alla scomparsa nella maggior parte dei casi.

Da ultimo abbiamo voluto quantificare il quantitativo di Shivax® necessario per arrivare alla “restitutio ad integrum”.

Nei casi più lievi e meno estesi, sono stati sufficienti 5/7 vasetti di Shivax® da 40 gr.

Per estensioni medie, sono stati sufficienti 10/15 vasetti di Shivax® da 40 gr.

Se le lesioni erano più gravi ed estese, si sono utilizzati 20/25 vasetti di Shivax® da 40 gr.

In alcuni soggetti dove l’estensione e la gravità delle lesioni era veramente importante, sono stati necessari un numero maggiore di vasetti

 

Dr Enzo DI MAIO MD PhD Consultant in Obstetrics and Gynaecology General Medical Council of London UK ( dimaioclinic.com )
Dra. Renata ROMERA GARCIA (Dermatologia Clinica, São Paulo do Brasil)

BIBLIOGRAFIA
Iwata, K.; Yamamoto, Y.  Glycoprotein Toxins Produced by Candida albicans. Proceedings of the Fourth International Conference on the Mycoses, PAHO Scientific Publication #356, June 1977.
Quiralte, J.; Blanco, C.; Esparaza, R.; Castillo, R. Carrillo, T. Nasal Candidiasis in an Immunocompetent Patient. Allergologia et Immunopathologia. 21(6):227-8, 1993 Nov.-Dec.
Magnavita, N. Mucocutaneous candidiasis in exposure to biological agents: a clinical case. Medicina del Lavoro. 84(3):243-8, 1993 May-Jun. (in Italiano)
Gutierrez, J.; Maroto, C.; Piedrola, G.; Martin, E.; Perez, JA.  Circulating Candida antigens and antibodies: useful markers of candidemia. Journal of Clinical Microbiology. 31(9):2550-2, 1993 Sep.
Walsh, TJ.; Lee, JW.; Sien, T.; Schaufele, R.; Bacher, J.; Switchenko, AC.; Goodman, TC.; Pizzo, PA. Serum D-arabinitol measured by automated quantitative enzymatic assay for detection and therapeutic monitoring of experimental disseminated candidiasis: correlation with tissue concentrations of Candida albicans. Journal of Medical & Veterinary Mycology. 32(3):205-15, 1994.
Switchenko, AC. Miyada, CG. Goodman, TC. Walsh, TJ. Wong, B. Becker, MJ Ullman, EF. An automated enzymatic method for measurement of D-arabinitol, a metabolite of pathogenic Candida species. Journal of Clinical Microbiology. 32(1):92-7, 1994 Jan.
Hussain, G.; Galahuddin, N.; Ahmad, I.; Galahuddin, I.; Jooma, R. Rhinocerebral invasive mycosis: occurrence in immunocompetent individuals. European Journal of Radiology. 20(2):151-5, 1995 Jul.
Cater, RE., 2nd Chronic candidiasis as a possible etiological factor in the chronic fatigue syndrome. Medical Hypotheses. 44(0):507-15 Jun. 1995
Crook, WG. The Yeast Connection Professional Books, Jackson Tennessee
Crook, WG. The Yeast Connection and the Woman. Professional Books, Jackson Tennessee
Di Maio E, M.D. Ayurveda contro i disturbi della donna. Silhouette, 3D Editoriale, Anno 5°, Numero 4, Aprile 1998, Milano .
Di Maio E, M.D. Reiki, Ayurveda, alimentazione ed altro. Puntoluce, Anno 11°, Numero 41, Primavera 1998, Milano.
Di Maio E, M.D. Rivista Mensile “FOCUS” n. 80 del Giugno 1999, Mondadori
Di Maio E., M.D. Rivista Settimanale “GRAZIA” n. 14 del 10  Aprile 2001, Mondadori
Di Maio E, M.D. Come diagnosticare le infezioni da Candida albicans. Polizia Sanitaria, DCB, Anno 12°, Numero 75, 2004, Milano
Widder, RA.; Bartz-Schmidt, KU.; Geyer, IL.; Brunner, R.; Kirchhof, B.; Donike, M.; Ileinmann, K. Candida albicans endophthalmitis after anabolic steroid abuse (letter). Lancet. 345(8945):330-1, 1995 Feb 4.
Ross, VE.; Baxter, DL.  Widespread Candida Folliculitis in a Nontoxic Patient. Cutis. 49(1):241-243, 1992 April.
Cater, RE. Somatization disorder and the chronic candidiasis syndrome: a possible overlap. Medical Hypotheses. 35:126-135, 1991.
Kroker, GF.  Chronic Candidiasis and Allergy. In: Brosteff J.; Challacombe SJ.;eds. Food Allergy and Intolerance. London:Baillierre Tindall, 1989: ch. 49.
Kirkpatrick, CH.; Smith, TK. Chronic mucocutaneous candidiasis: immunologic and antibiotic therapy. Annals of Internal Medicaine. 80: 310-320, 1974.
Dismukes, WE., Way, JS., Lee, JY., Dockery, B.K., Hain, J.D., A randomized double-blind trial of nystatin therapy for the candidiasis hypersensitivity syndrome. New England Journal of Medicine. 323:1717-23, 1990.
Bennett, JE. Searching for the yeast connection. New England Journal of Medicine. 323:1766-67, 1990.
Zwerling, MH., Owens, KN., Ruth, NH. Think yeast-the expanding spectrum of candidiasis. Journal of the South Carolina Medical Association. 80:454-456, 1984.
Mangani V.,Panfili A., Candida l’epidemia silenziosa:allergia al XX secolo? ed.Tecniche Nuove 1996.
Mangani V.,Panfili A.,La dieta ph ed.       Tecniche  Nuove 1997.
Panfili A., Medicina Ortomolecolare.ed Tecniche Nuove 1994
Truss, CO. The role of candida albicans in human illness. Journal of Orthomolecular Psychology. 10:228-238, 1981.
Truss, CO.  Tissue injury induced by candida albicans. Journal of Orthomolecular Psychology. 7(1)
Truss, CO. Restoration of immunologic competence to candida albicans. Journal of Orthomolecular Psychology. 9(4)
Truss, CO. Metabolic abnormalities in patients with chronic candidiasis: the acetaldehyde hypothesis. Journal of Orthomolecular Psychology. 13(2):66-93
Bodey, G., Fainstein, V., Garcia, I., Rosenbaum, B., Wong, Y. Effect of broad-spectrum cephalosporins on the microbial flora of recipients. The Journal of Infectious Diseases. 148:892-897, 1983.
Giuliano, M., Barza, M., Jacobus, N., Gorbach, S. Effect of broad spectrum antibiotics on composition of intestinal microflora of humans. Antimicrobial Agents and Chemotherapy. 202-206, 1987.
Gracey, M., Burke, V., Thomas, J. Stone, D.  Effect of microorganisms isolated from the upper gut of malnourished children on intestinal sugar absorption in vivo The American Journal of Clinical Nutrition. 28:841-845, 1975.
Eras, P., Goldstein, M., Sherlock, P. Candida infection of the gastrointestinal tract. Medicine 51(5):367-379, 1972.
Trowbridge, J.P., Walker, M. The Yeast Syndrome. Bantam Books. New York, 1986.
Hotopf, Matthew. Seasonal affective disorder, environmental hypersensitivity and somatisation. British Journal of Psychiatry. 164: 246-248, Feb. 1994.
Keith, Sehnert W. Candida-related complex (CRC), a complicating factor in treatment and diagnostic screening for alcoholics: A pilot study of 213 patients. International Journal of Biosocial and Medical Research. 13(1):67-76, 1991.
Rogers, Sherry A. Healing from the inside out: The leaky gut syndrome. Let’s Live. 63(4):34-38, Apr 1995.
Neuro-Immunophysiology of the Gastrointestinal Mucosa. Annals of the New York Academy of Sciences. 664, 1992
Shorter, RB. Kirsner, JB.  Gastrointestinal Immunity for the Clinician. Grune & Stratton, Inc., Orlando, FL. 1985
Murray, F. Acidophilus fights fungal infections. Better Nutrition for Today’s Living. 56(5):54-55, May 1994
Palmer, CA. A yeast for all reasons or is candidiasis the hidden enemy? Nutrition Today. 28(3)24-29, May 1993
Yeast can destroy friendly bacteria. USA Today: The Magazine of the American Scene. 122(2585):6-7, Feb. 1994
Hentges, David J. Human intestinal microflora in health and disease. Academic Press: NY, 1983
Hill, MJ.  Role of gut bacteria in human toxicology and pharmacology. Taylor & Francis: Bristol, PA, 1995.
Rowland, IR. Role of the gut flora in toxicity and cancer. Academic Press:San Diego, 1988
Brostoff, J. Challacombe, SJ. Food Allergy and Intolerance. Bailliere Tindall: Philadelphia.
Winner, HI. Hurley, R. Symposium on Candida Infections. E & S Livingstione LTD: London, 1966
James, J. Warin, RP. An assessment of the role of Candida albicans and food yeasts in chronic urticaria. British Journal of Dermatology. 84:227-237, 1971
Schinfeld, JS. PMS and candidiasis: study explores possible link. The Female Patient. 12:July 1987
Witkin, SS. Defective immune response in patients with recurrent candidiasis. Infections in Medicine. May-June 1985
Resseger, Charles S., D.O. or Norwalk, OH. Conversations with
Giannela, RA. Broitman SA. Zamcheck, N. Influence of gastric acidity on bacterial and parasitic enteric infections: a perspective. Annals of Internal Medicine. 78: 271, 1973
Gordon, JE. Chitkara, ID. Wyon, JB. Weanling diarrhea. American Journal of Medical Science. 245:345, 1963
Mackowiak PA. The Normal Microbial Flora. New England Journal of Medicine. 307:83, 1982
Freter, R. Interactions between mechanisms controlling the intestinal microflora. American Journal of Clinical Nutrition. 27:1409, 1974
Bartlett, JG. Antibiotic associated pseudomembranous colitis. Rev Infect Dis. 1:123, 1979
Freter, R. Brickner, H. Botney, M. et al. Mechanisms that control bacterial populations in continuous flow culture models of mouse large intestinal flora. Infectious Immunology. 39:676, 1983
Shedlofsky, S. Freter, R. Synergism between ecologic and immunologic control mechanisms of intestinal flora. Journal of Infectious Diseases. 137:661, 1978
Renfro, L. Feder, HM Jr. Lane, TJ. Manu, P. Matthews, DA. Yeast connection among 100 patients with chronic fatigue. American Journal of Medicine. 86(2):165-8, Feb. 1989.
Schlossberg, D. Devig, PM. Travers, H. Kovalcik, PJ Mullen, JT. Bowel perforation with candidiasis. Journal of the American Medical Association. 238(23):2520-1, Dec 5, 1977.
Schwartz, RH. Knerr, RJ.  Candida esophagitis during treatemnt for adolescent acne vulgaris. Pediatric Infectious disease. 1(5):374, Sep-Oct, 1982.
Jayagopal, S. Cervia, JS. Colitis due to Candida albicans in a patient with AIDS. Clinical Infectios Diseases. 15(3):555, Sep. 1992.
Minoli G. Terruzzi V. Butti G. Frigerio G. Rossini A. Gastric candidiasis:an endoscopic and histological study in 26 patients. Gastrointestinal endoscopy. 28(2)59-61, 1982.
Tortora, G. Funke, B. Case, C. Microbiology. New York: Benjamin/Cummings Publishing Company, 1995.
Saltarelli, Cora G. Candida albicans: The Pathogenic Fungus. Hemisphere Publishing Company: Philadelphia, 1989.
Segal, Esther; Baum, Gerald L.  Pathogenic Yeasts and Yeast Infections. CRC Press: Ann Arbor, 1994.
Jenzer, Martin, M.D. or Rochester, NY. Conversations with.
Nelson, Robert S. Bruni, Hamilton C. Goldstein, Harvey M. Primary gastric candidiasis in uncompromised subjects.  Gastrointestinal Endoscopy. 22:2, 92-94, 1982.
Chan, Stephen, PhD, of SUNY College at Brockport, NY. Conversations with.
Discussions with patients that have been treated with antifungal and diet therapy.
Candida e Psoriasi in Patologia Dermatologica
Skinner, RB. Jr. Rosenberg, W. Noah, PW. Psoriasis of the palms and soles is frequently associated with oropharyngeal Candida albicans. Acta Dermatological Venereol Supplement. 186:149-150, 1994.
M buslau, Menzel I, Holzmann H. Fungal flora of the human faeces in psoriasis and atopic dermatitis.  Mycoses. 33:2, 90-4, Feb. 1990.
Soyeur U. Kilic H. Alpan O. Anti-Candida antibody levels in psoriasis vulgaris. Cent. Afr. Journal of Medicaine. 36: 8, 190-2, Aug. 1990.
Baker BS. Powles AV. Malkani AK.  Altered call-medicated immunity to group A haemolytic atreptococcal antigens in chronic plaque psoriasis. British Journal of Dermatology. 125: 1, 38-42, Jul 1991.
el-Maghrabi EA. Dixon DM. Burnett JW. Characterization of Candida albicans epidermolytic proteases and their role in yeast-cell adherance to keratinocytes. Clinical Experimental Dermatology. 15: 3, 183-91, May 1990.
Senff H. Bothe C. Busacker J. Reinel D. Studies on the yeast flora in patients suffering from psoriasis capillitii or seborrheic dermatitis of the scalp. Mycoses. 33:1, 29-32, Jan 1990.
Orkin VF. [The characteristics of the clinical picture of candidiasis of the skin and mucous membranes in patients with chronic dermatosis] – Russian. Vrach Delo. 5, 78-80, May 1992.
McKay M. Vulvar dermatoses: common problems in dermatological and gynecological practice. British Journal of Clinical Pract. Sym. Supplement. 71: 5-10, Sep 1990.
Noah PW. The role of microorganisms in psoriasis. Semin Dermatology. 9:4, 269-76, Dec 1990.
Haneke E. Fungal infections of the nail.  Semin Dermatology. 10: 1, 41-53, Mar 1991.
Rosenberg, EW. Noah PW. Skinner RB.  Microorganisms and psoriasis. Journal of the National Medical Association. 86:4, 305-10, Apr 1994.
Meinhof W. [Intestinal colonization with Candida albicans and its effect on chronic inflammatory dermatoses]-German. Hautarzt. 46:8, 525-7, Aug 1995.
Buslau L. Hanel M. Holzmann H. The significance of yeasts in seborrheic eczemna.  Hautarzt. 40(10):611-3, Oct. 1989. – German
Henseler T. [Mucocutaneous candidiasis in patients with skin diseases] – German. Mycoses. 38 Supplement 1:7-13, 1995.
Kemeny L. Ruzicka T. Dobozy A. Michel G. Role of interleukin-8 receptor in skin. International Archives of Allergy and Immunology. 104: 4, 317-22, Aug 1994.
Squiquera L. Galimberti R. Morelli L. Plotkin L. Milicich R. Kowalckzuk A. Leoni J. Antibodies to proteins from Pityrosporum ovale in the sera from patients with psoriasis. Clinical Experimental Dermatology. 19: 4, 289-93, Jul 1994.
Oranje AP. Dzoljic-Danilovic G. Michel MF. Aarsen RS. van Joost, T. [Is juvenile seborrheic dermatitis a candidiasis? Studies of a possible link with microbial infections.] – German  Tijdschrift voor Kindergeneeskunde. 55(3):87-92, Jul 1987.
Candida e Diarrea
Burke, V., Gracey, M. An experimental model of gastrointestinal candidiasis Journal of Medical Microbiology. 13:103-110.
Gupta, T., Ehrinpreis, M. Candida-associated diarrhea in hospitalized patients. Gastroenterology. 98:780-785, 1990.
Danna, P., Urban, C., Bellin, E., Rahal, J. Role of candida in pathogenesis of antibiotic-associated diarrhoea in elderly inpatients. The Lancet. 337:511-514, 1991.
Bishop, R., Barnes, G. Depression of lactase acitivity in the small intestines of infant rabbits by Candida albicans.
Kane, J., Chretien, J., Garagusi, V. Diarrhoea caused by Candida The Lancet. 335-336, 1976. (Immunocompetent).
Garagusi, VF. Chretien, JH. Diarrhoea caused by Candida.(letter) Lancet. 1(7961):697-8, Mar 27, 1976.
Letter in Lancet in response. Enweani IB. Obi CL. Jokpeyibo M. Prevalence of Candida species in Nigerian children with diarrhoea. J.Diarrhoeal Dis Res 12(2):133-5, Jun, 1994.
Gut flora in normal and disordered states. Chemotherapy. 5-15, 1995.
Vogel LC. Antibiotic-induced diarrhea. Orthop Nurs 14(2): 38-41, Mar-Apr, 1995.
Koffi-Akoua G. Ferly-Therizol M. Kouassi-Beugre MT. Konan A. Timite AM. Assi Adou J. Assale G. [Cryptosporidium and candida in pediatric diarrhea in Abidjan.] Bull Soc Pathol Exot Filiales 82(4): 451-7, , 1989.
Ngan PK. Khanh NG. Tuong CV. Quy PP. Anh DN. Thuy HT. Persistent diarrhea in Vietnamese children: a preliminary report.  Acta Paediatric Supplement. 381: 124-6, Sep, 1992.
Siregar CD. Sinuhaji AB. Sutanto AH. Spectrum of digestive tract diseases 1985-1987 at the Pediatric Gastroenterology Outpatient Clinic of Dr. Pirngadi General Hospital, Medan.  Paediatr Indones. 30(5-6): 133-8, May-Jun, 1990.
Talwar P. Chakrabarti A. Chawla A. Mehta S. Walia BN. Kumar L. Chugh KS. Fungal diarrhoea: association of different fungi and seasonal variation in their incidence.  Mycopathologia. 110(2): 101-5, May, 1990.
Omoike IU. Abiodun PO.  Upper small intestinal microflora in diarrhea and malnutrition in Nigerian children. Journal of Pediatric Gastroenterolog Nutrition 9(3): 314-21, Oct, 1989.
Immunosoppressione
 Hirschel B. [AIDS and gastrointestinal tract: a summary for gastroenterologists and surgeons] Schweiz Med Wochenschr. 120(14): 475-84, Apr 7, 1990.
Gage TP. Eagan J. Gagnier M. Diverticulitis complicated by candidal pylephlebitis. South Med. Journal 78(10): 1265-6, Oct, 1985.
Caselli M. Trevisani L. Bighi S. Aleotti A. Balboni PG. Gaiani R. Bovolenta MR. Stabellini G.  Dead fecal yeasts and chronic diarrhea. Digestion. 41(3): 142-8, 1988.
Zhen DL. [Analysis of the causative organisms in adult acute infectious diarrhea encountered in the past 12 years]. Chung Hua Nei Ko Tsa Chih 21(9): 540-2, Sep, 1982.
Lorenz A. Grutte FK. Schon E. Muller B. Klimmt G. [Fungal infection of the small bowel mucosa.] Mykosen. 27(10): 506-10, Oct, 1984.
Candida ed Antibiotici
[Clinical evaluation of a new oral penem, SY5555, in the pediatric field.] Japanese Journal of Antibiotics. 41-8, Jan, 1995.
Elmer GW. Surawicz CM. McFarland LV. Biotherapeutic agents: A neglected modality for the treatment and prevention of selected intestinal and vaginal infections. Journal of the American Medical